Actions

(a) Actions related to the preparation, management and monitoring of the project

The project management is implemented with Action PMa. The management structure includes a Steering Committee and an Actions Coordination Group, as well as all the relevant methods to ensure a smooth performance of the project. Monitoring activities are performed under Action PMo. A Monitoring Protocol with indicators has been prepared and used during the whole project duration. Technical monitoring has been outsourced to ensure an independent evaluation of the project

Action PA – Preparatory Action: Target species/ecosystem types and test/demonstration areas have been already identified. They are located along a North-South transect in Italy and an East-West transect between Slovenia and Italy, with beech, spruce, fir forests (pure or mixed) as main target species. Other ecosystem types have been selected according to their relevance to regional issues (e.g. Turkey oak in Central Italy). In all these areas, forest management with varying purposes has been applied in the past and it is possible to design and implement new practices according to targeted management goals. The preparatory action, lasting 8 months, has been used to select the test areas in details. Moreover during this period the methodological details of the Actions have been set out (e.g. sampling protocols) to ensure soundness to the aims of the project and comparability of results.

(b) Implementation Actions

In ManFor C.BD., the Implementation Actions are planned to run in parallel, which will also favour exchange and sharing of sampling burden between technical/scientific staff of the Benecificiaries. Proper coordination among action will be ensured by Project Management, specifically by the Action Coordination group.

Action ECo – Ecological connectivity, landscape patterns and representativeness of test areas: This Action uses remote sensing techniques and mapping tools to assess the landscape patterns and the ecological connectivity of the test areas with the neighbouring ecosystems/landscape. Action Eco started before implementing the management operations, to verify the ex-ante situation. These results will be crucial to assess whether the test areas can be considered as representative of a larger area. In the second half of the project, the Action has dealt with the evaluation of potential remote-sensing indexes related to Sustainable Forest Management indicators such those connected to carbon stocks/sequestration and structural biodiversity and to check how the management operations may influence ecological connectivity.

Action AnDeFM – Analysis and design of forest management options: This Action has first analysed the quality of forest management applied in the past in the test areas and identified the parameters to be monitored and assessed to evaluate the effects on carbon cycling and biodiversity. Secondly, the Action has designed new forest management options to be applied in the test areas and the monitoring rationale in order to detect effects. Management options ranged from the traditional techniques to simplified and innovative treatments aimed at enhancing carbon stocks and sequestration and to preserve or favour biodiversity, as well as to the “no-intervention” scenario (natural evolution or post-cultivation pattern). Management options will be implemented in Action IMP.

Action IMP – Implementation of forest management options in the test areas: In this Action, the silvicultural techniques defined in action AnDeFM are implemented and assessed. The transect approach on the same species (beech, fir, spruce) will allow to evaluate how different environmental conditions and site histories may affect the outcome of forest management. On the other hand, the inclusion of forest types of regional concern, provides connections to local stakeholders and silvicultural problems.

Action ForC – Assessment of indicators related to carbon cycle of managed forests: This action is particularly devoted to measure how forest management can influence carbon cycling of forests. The different silvicultural practice applied in IMP are compared in terms of their effect on the indicators related to carbon in forest ecosystems. Methods will range from the classic forest inventory approach (structure, stocks, increment) for both biomass and soil compartments to carbon fluxes using mobile systems and soil cuvettes

Action ForBD – Assessment of indicators related to forest biodiversity: Biodiversity is assessed for its different aspects and scales: structural diversity (both at forest patch and at landscape scale), plant and faunal diversity and deadwood. Many of the test areas are within Natura 2000 sites and also priority habitats (App.I Habitat directive), where the conservation of diversity may have priority with respect to other objectives of forest management. Among the vertebrate and invertebrate taxa selected to be monitored there are several community importance or priority species (Appendix I Bird directive, App. II Habitat directive). Indicators to be assessed range from some of those listed under Criterion 4 of Sustainable Forest Management in Europe to more specific and new ones.

Action ForC and ForBD started before management and will be run through the end of the project. In fact, many of the surveyed variables are expected to change along years and after management and one of the project objectives is to check how variables related to SFM indicators may change during time.

Action Dem – Demonstration areas for forest management and forest inventory: At least one Demonstration area will be implemented at each of the test areas of the project This Action started at a more advanced stage of the project, as the Demonstration Areas serve to inform both public and students, also at graduate level, on the forest management approaches in progress. In this respect, Demonstration areas are set-up after that a forest has undergone management operations and that measurements of parameters has been performed. Notice boards will be set up illustrating the type and purpose of management intervention, its long term perspective and how the results will be monitored and measured. In parallel, forest inventory is explained.

(c) communication and dissemination actions

Action SynTran – Synthesis and Transferability of Project Findings: This Action is devoted to the preparation, revision, adoption and distribution of the most important reports of the project. It will include a synthesis of the technical findings for stakeholders and a report dedicated to the transfer of results to international competent authorities including the MCPFE, Standing Forestry Committee, European Environment Agency and the relevant Units of European Commission General Directorates (DG-Environment, DG-Agri). Furthermore, the project aims at providing to forest managers a manual of “good practice” on how to preserve and improve the role of managed forests in the carbon cycle and maintain, protect and possibly enhance biodiversity from the forest patch up to a landscape perspective. The manual will describe management options giving hints on where (in what circumstances and conditions), when (management goals) and how these options could be executed in the field and how can be adopted at local, regional and national levels. The manual will be mainstreamed into the Italian and Slovenian forest sectors.

Action CD – Communication and Dissemination: This action is devoted to make the project well known across target audiences. It includes information at local (from sites to local communities), regional, national (policy makers, agencies, pressure groups,…) and international levels (EU bodies, international organizations). Different means are envisaged, from web site to notice boards at the project’s test areas to newsletters, general public and technical reports, Layman reports, scientific papers, meetings, workshops and conferences.

 

Action 1 PMa and PMo

Action 2 PA

Action 3 ECo-ECoSI

Action 4 AnDeFM

Action 5 IMP

Action 6 ForC

Action 7 ForBD

Action 8 DEM

Action 9 SynTran

Action 10 CD

(a) Azioni relative alla preparazione, gestione e monitoraggio del progetto

La gestione del progetto è attuata attraverso l’azione PMa-PMo. La struttura di gestione comprende uno Steering Committee e un Actions Coordination Group, così come tutti i metodi pertinenti al fine di garantire il buon svolgimento del progetto. Le attività di monitoraggio saranno effettute nell’azione PMo. Un Monitoring Protocol con utilizzo di indicatori è stato preparato ed usato durante l’intera durata del progetto. Il monitoraggio tecnico è stato affidato a terzi per garantire una valutazione indipendente del progetto.

Azione PA – Azione preparatoria: Specie ed ecosistemi target e le aree sperimentali e dimostrative sono già state individuate. Le aree si trovano lungo un transetto Nord-Sud in Italia e un transetto est-ovest tra la Slovenia e l’Italia, e, tra i boschi principali ci sono faggete, peccete, abetine (miste o pure). Altri tipi di ecosistema sono stati selezionati in base alla loro rilevanza per le questioni regionali (ad esempio, cerro in Italia centrale). In tutte le aree gestite, la gestione forestale è stata applicata, con obiettivi diversi ed è possibile progettare e implementare nuove pratiche gestionali, secondo obiettivi mirati. L’azione preparatoria, della durata di 8 mesi, è stata utilizzata per selezionare in dettaglio le aree sperimentali. Inoltre, durante questo periodo, i metodi delle diverse Azioni sono stati dettagliati (ad esempio i protocolli di campionamento) per garantire la solidità agli obiettivi del progetto e la comparabilità dei risultati.

(b) Implementation Actions

In ManFor C.BD., le Implementation Actions si svolgono in parallelo, anche per far modo che ci siano scambi e condivisione nelle attività di campionamento tra il personale scientifico e tecnico dei Benecificiari. Un adeguato coordinamento tra le Azioni sarà garantito dal Project Management, in particolare dall’Action Coordination Group.

Action Eco – Connettività ecologica, paesaggio e rappresentatività delle aree sperimentali: Questa azione impiega tecniche di telerilevamento e di mappatura per valutare i pattern di paesaggio e la connettività ecologica delle aree sperimentali con il paesaggio e gli ecosistemi limitrofi. Per verificare la situazione ex-ante, l’Action Eco ha cominciato le sue attività prima che fossero effettuate le operazioni di gestione forestale. Questi risultati saranno fondamentali per valutare se le aree sperimentali possano essere considerate rappresentative di una zona più ampia. Nella seconda metà del progetto, l’azione si è occupata della valutazione di possibili indici derivati da telerilevamento legati agli indicatori di Gestione Forestale Sostenibile, come quelli connessi agli stock/sequestro di carbonio e alla biodiversità strutturale e della verifica di come le operazioni di gestione possano influenzare la connettività ecologica.

Action AnDeFM – Analisi e definizione di ozioni di gestione forestale: Questa azione ha il compito di analizzare preliminarmente il tipo e la qualità della gestione forestale applicata in passato nelle aree sperimentali e identificherà i parametri per rilevare e valutare gli effetti sul ciclo del carbonio e la biodiversità. In secondo luogo, l’Azione ha definito nuove opzioni di gestione forestale da applicare nelle zone di sperimentazione e la tipologia di monitoraggio necessaria per individuarne gli effetti. Le opzioni di gestione hanno considerato le tecniche tradizionali e trattamenti innovativi e simplificati, finalizzati a incrementare gli stock ed il sequestro di carbonio e a preservare o favorire la biodiversità, sino a scenari di evoluzione naturale o processi di post-coltivazione. Le opzioni gestionali sono state dal mese 9 al mese 39 del progetto e sono state messe in atto nell’Action IMP.

Action IMP – Attuazione delle ozioni di gestione forestale nelle aree sperimentali:

In questa Azione, le tecniche selvicolturali definiti nell’azione AnDeFM sono state messe in pratica e valutate. L’approccio a transetto sulla stessa specie (faggio, abete, abete rosso), permetterà di valutare come le diverse condizioni ambientali e storie gestionali dei siti possono influire sul risultato della gestione forestale. D’altra parte, l’inclusione di tipologie di bosco di interesse regionale, fornirà connessioni a stakeholders e problemi selvicolturali locali.

Action ForC – Valutazione di indicatori connessi al ciclo del carbonio di foreste gestite: Questa azione è particolarmente dedicata a quantificare come la gestione forestale può influenzare il ciclo del carbonio delle foreste. Le diverse pratiche selvicoltural applicate in IMP saranno confrontate in termini del loro effetto sugli indicatori relativi al carbonio in ecosistemi forestali. I metodi hanno spazito dal classico approccio di inventario forestale (struttura, stock, incrementi) per entrambi i comparti del suolo e della biomassa ai flussi di carbonio con sistemi mobili e con cuvette a livello del suolo.

Action ForBD – Valutazione di indicatori connessi alla biodiversità forestale:

La biodiversità è stata valutata nei suoi diversi aspetti e scale: la diversità strutturale (sia a livello di patch forestali che a scala del paesaggio), diversità vegetale e faunistica e legno morto. Molte delle aree sperimentali sono in siti Natura 2000 e anche habitat prioritari (App.I Direttiva Habitat), dove la conservazione della diversità può avere la priorità rispetto ad altri obiettivi della gestione forestale. Tra i taxa di vertebrati e invertebrati selezionati per essere monitorati ci sono diverse specie di importanza comunitaria o specie prioritarie (App.I Direttiva Uccelli, App.II Direttiva Habitat). Gli indicatori che verranno valutati spazieranno da alcuni di quelli elencati nel Criterio 4 della gestione sostenibile delle foreste in Europa, ad alcuni più specifici e nuovi.

Le due Action ForC e ForBD sono cominciate prima che le opzioni di gestione forestale siano applicate e si svolgeranno lungo l’intero arco del progetto. Infatti, ci si aspetta che diverse delle variabili che saranno misurate cambino nel corso degli anni e dopo gli interventi di gestione ed uno degli obiettivi del progetto è proprio quello di verificare come i parametri legati alla gestione forestale sostenbile possono cambiare nel tempo.

Action Dem – Aree dimostrative per la gestione e l’inventario forestale:

In ognuna delle aree sperimentali del progetto, verrà realizzata almeno un’area dimostrativa. Qusta Action è cominciata in un stadio più avanzato del progetto, dato che le aree dimostrative servono per informare sia il pubblico che gli studenti, anche a livello universitario, sulle strategie di gestione in corso nelle foreste studiate dal progetto. Quindi le Aree dimostrative sono state e saranno installate dopo che le foreste avranno subito gli interventi di gestione. Vengono installati Pannelli Informativi, che illustrano il tipo e lo scopo degli interventi di gestione, le prospettive a lungo termine e in che modo i risultati vengono monitorati.

In parallelo, vengono spiegate le metodologie dell’inventario forestale.

(c) azioni di comunicazione e disseminazione

Action SynTran – Sintesi e la trasferibilità dei risultati del progetto: L’azione è dedicata alla preparazione, revisione, adozione e la distribuzione dei più importanti Report del progetto. Essa comprenderà una sintesi dei risultati tecnici per le parti interessate (stakeholder) e un Report dedicato al trasferimento dei risultati alle autorità internazionali competenti, compresa la MCPFE (ForestEurope), il Comitato Permanente Forestale (Standing Forestry Committee), l’Agenzia europea dell’ambiente e le relative unità delle Direzioni Generali della Commissione Europea (DG Ambiente, DG -Agri). Inoltre, il progetto intende fornire ai gestori forestali un manuale di “buona pratica” su come preservare e migliorare il ruolo delle foreste gestite nel ciclo del carbonio e di mantenere, proteggere e possibilmente accrescere la biodiversità dalla particella forestale sino alla scala di paesaggio. Il manuale descriverà le opzioni di gestione dando suggerimenti su dove (in quali circostanze e condizioni), quando (obiettivi di gestione) e come queste opzioni possano essere messe in pratica e come possano essere adottate a livello locale, regionale e nazionale. Il manuale sarà trasferiti ai settori forestali italiano e sloveno.

Action CD – Comunicazione e Disseminazione:

Questa azione è dedicata a rendere il progetto ben noto alle varie tipologie di “pubblico”. Le varie tipologie di informazione vanno dalla scala locale (dalle aree sperimentali sino alle comunità locali), regionale, nazionale (responsabili politici, agenzie, i gruppi di pressione,…) e internazionale (gli organismi dell’Unione europea, organizzazioni internazionali). Inoltre, il progetto mira a diffondere informazioni, ma anche a fornire ai responsabili delle foreste un manuale di “buona pratica” su come preservare e migliorare il ruolo delle foreste gestite nel ciclo del carbonio e di mantenere, proteggere e possibilmente migliorare la biodiversità forestale dal livello di bosco sino alla scala di paesaggio. Sono previsti diversi strumenti, dal sito web, ai Pannelli Informativi nella aree sperimentali e dimostrative del progetto, da newsletter, relazioni sia tecniche che per i non-specializzati (Layman report), articoli scientifici, incontri, seminari e conferenze.

—–

To fulfill its objectives, the project will be arranged into several actions that can be divided in the following categories:

(a) actions related to the preparation, management and monitoring of the project

(b) implementation actions

(c) communication and dissemination actions

 

Actions related to the preparation, management and monitoring of the project

•Action PA – Preparatory Action: The preparatory action, lasting 8 months, will be used to select the test areas in details. Moreover during this period the methodological details of the Actions will be set out (e.g. sampling protocols) to ensure soundness to the aims of the project and comparability of results.

Implementation Actions

The Implementation Actions are planned to run in parallel. These actions will also favour exchange and sharing of sampling burden between technical/scientific staff of the Benecificiaries. Proper coordination among action will be ensured by Project Management, specifically by the Action Coordination group.

• Action ECo – Ecological connectivity, landscape patterns and representativeness of test areas

• Action AnDeFM – Analysis and design of forest management options

• Action IMP – Implementation of forest management options in the test areas

• Action ForC – Assessment of indicators related to carbon cycle of managed forests

• Action ForBD – Assessment of indicators related to forest biodiversity

• Action Dem – Demonstration areas for forest management and forest inventory

Communication and dissemination actions

• Action SynTran – Synthesis and Transferability of Project Findings

• Action CD – Communication and Dissemination